Prevenzione dentale: le regole per mantenere i denti sani

Prevenzione dentale: le regole per mantenere i denti sani

La prevenzione dentale è una pratica quotidiana molto importante non solo per garantirci un bel sorriso: rispettare tutti i giorni buone abitudini di prevenzione dentale è fondamentale non solo per la salute dei denti, ma per la nostra salute in generale. L’integrità dei denti ha correlazioni dirette con il benessere della persona: i denti, se trascurati, possono andare incontro a carie o tartaro; malocclusioni dentali possono alterare la postura corporea; le parodontiti possono avere ripercussioni sull’apparato cardiovascolare e sul diabete.

Le principali malattie che riguardano i denti sono strettamente legate a stili di vita – igienici e alimentari – sbagliati; nella maggior parte dei casi sono causate da batteri che si annidano nel cavo orale e in particolare sulla superficie dei denti.

Le principali malattie odontoiatriche

Trascurare la prevenzione dentale aumenta il rischio di sviluppare diverse patologie a carico dei denti, tra cui:

  • Carie: causata dall’azione di microrganismi presenti nel cavo orale, è una malattia degenerativa dei tessuti duri del dente che può intaccare il dente anche in profondità (in quel caso si parla di pulpite); può determinare dolore, sensibilità al caldo e al freddo e, se trascurata, anche la perdita precoce del dente;
  • Placca e tartaro: la placca è un deposito trasparente a base batterica che si deposita sui denti; se non viene rimossa causa la formazione di tartaro con la conseguente alterazione dello smalto dentale; la formazione del tartaro aumenta con il fumo e il consumo di tè o caffè;
  • Gengivite: i batteri del cavo orale possono concorrere anche alla comparsa di infiammazioni a carico delle gengive che possono arrivare a intaccare l’osso; si manifestano con sanguinamento, gonfiore ed arrossamento delle gengive;
  • Malattia parodontale: un tempo nota come “piorrea”, è una malattia cronica di natura batterica che colpisce gengiva e osso; si manifesta con sanguinamento, gengive che si ritirano e aumento della mobilità dentale.

Le regole della prevenzione dentale

La prevenzione dentale si basa sull’adozione e il rispetto quotidiano di specifiche norme di comportamento: queste sono legate innanzitutto a corrette pratiche di igiene orale, specifiche scelte alimentari e visite periodiche per appurare la presenza di patologie dentali.

Igiene orale

Una buona igiene orale deve prevedere un corretto spazzolamento dei denti almeno due volte al giorno dopo i pasti principali per una durata di almeno due minuti. Lo spazzolino deve avere una testina medio-piccola, setole di media durezza e va cambiato al massimo ogni tre mesi. Si dovrebbe inoltre prediligere i dentifrici al fluoro.

È inoltre consigliato utilizzare tutti i giorni anche filo interdentale e collutorio, strumenti complementari allo spazzolino ma di pari importanza: in questo modo è possibile eliminare l’accumulo di placca batterica sulla superficie dentale rimuovendo i residui di cibo.

Regole alimentari

Oltre a buone norme di igiene orale la prevenzione dentale passa attraverso l’attenzione per i cibi che mangiamo: per ridurre il rischio di patologie dentali, e in particolare la formazione di placca batterica, è preferibile limitare gli alimenti ad alto contenuto di zuccheri: è ormai dimostrato che un abbondante apporto di zucchero causa la formazione di acidi in grado di attaccare smalto e dentina.

È altresì consigliato adottare una dieta ricca di vitamine e sali minerali: quindi via libera a frutta e verdura, tutti alimenti ricchi di vitamine e minerali (vitamine C, A e D, calcio, fosforo, potassio, sodio, ferro e magnesio) essenziali per la salute dentale.

Controlli periodici

Da ultimo, ma non di meno importanza per la prevenzione dentale sono le visite di controllo periodiche: periodicamente (almeno ogni sei mesi) è importante rivolgersi al proprio dentista per un controllo generale. In questo modo è possibile verificare la presenza di patologie dentali a carico dei denti o delle gengive ed eventualmente intervenire tempestivamente limitando i danni. Altrettanto importanti sono le sedute periodiche di pulizia dentale professionale per la rimozione del tartaro (da effettuare almeno una volta all’anno).

Questo è tra l’altro il momento perfetto per sottoporsi a una visita odontoiatrica di controllo: con il mese di ottobre torna, come di consuetudine, il progetto di prevenzione dentale e odontoiatrica attivo su tutto il territorio nazionale. Rivolgendosi a uno degli oltre 10.000 dentisti dell’ANDI (Associazione Nazionale Dentisti Italiani) è possibile sottoporsi a una visita di controllo gratuita oltre a ricevere utili consigli personalizzati relativi alla propria salute orale. A questo link è possibile trovare i dentisti ANDI aderenti all’iniziativa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *